Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale

Ricerca sui materiali, personalizzazione e attenzione ai dettagli sono valori che caratterizzano ogni progetto di Egidio Panzera, come la residenza privata progettata dall’architetto al Bosco Verticale di Milano, in cui l’uso sapiente dei materiali intesse un dialogo fra interno ed esterno per dare vita a un’oasi domestica nel cuore della metropoli.

Nella realizzazione emerge tutto l’approccio multidisciplinare dello studio, che si muove tra e architettura traendo ispirazione da entrambi i mondi. L’armonia fra i materiali utilizzati, il gioco di riflessi fra interno ed esterno, le soluzioni customizzate e la capacità di celare quanto non dev’essere manifesto, danno forma a un appartamento cucito su misura su misura del committente, come un abito sartoriale.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato

Il dialogo tra l’interior e il tema naturale del Bosco Verticale è affidato a materiali come il , l’argilla e il marmo, e a colori che richiamano le essenze arboree che si intravedono dalle finestre.

Fra tutti spicca il marmo Forest scelto per rivestire la parete che attraversa longitudinalmente l’appartamento e mette in comunicazione il soggiorno con gli altri ambienti della casa, celandone gli accessi. Questo particolare marmo indiano è un’opera d’arte naturale, nata dalla sedimentazione delle foreste ricoperte dalle alluvioni, tanto che al suo interno si possono ritrovare foglie e rami.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato

Come gli alberi caratterizzano l’involucro del Bosco Verticale disegnato dallo studio di architettura Stefano Boeri Architetti, così anche i rami e le foglie fossili intrappolati nel marmo Forest diventano protagonisti del progetto d’interior, grazie a un processo di spazzolatura della superficie volto a mettere in rilievo le parti dure.

Una scelta stilistica che dimostra una grande capacità di ricerca sui materiali, valore che caratterizza da sempre il modo di progettare dello studio Panzera. L’architetto messinese spazia qui dal marmo al cemento, dal legno al vetro, dal all’argilla, che restituisce un effetto ossidato sulle superfici lignee, in un gioco fra naturale e artificiale che spinge la ricerca estetica oltre il limite.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato

La connessione esterno-interno viene creata anche attraverso la riflessione, utilizzata per scomporre gli angoli e per creare continui rimandi tra dentro e fuori, come nel caso della camera padronale che si affaccia con vetrate a tutta altezza su Milano. Una lanterna di vetro per la quale Panzera ha scelto ampie superfici nere e specchianti che riflettono la città, avvolgendo il letto con le luci della metropoli e facendo scomparire, di notte, la scatola architettonica.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato

Per arredare lo spazio cucina, l’architetto si è avvalso della collaborazione di Valcucine che ha realizzato una composizione lineare Artematica (design by Gabriele Centazzo), fra le collezioni più iconiche dell’, in produzione dal 1988 e continuamente aggiornata.

La composizione è realizzata interamente in vetro, materiale prezioso, resistente e sostenibile. La scelta della finitura opaca e di una palette cromatica soft, giocata sui toni della terra e del bianco, crea un’atmosfera morbida e ovattata in armonia con gli altri ambienti della casa.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Egidio Panzera

L’eliminazione di qualsiasi elemento sporgente accentua l’effetto di pulizia formale ed esalta la finitura grazie alla continuità frontale delle ante. L’utilizzo dell’ per le gole e i profili sottolinea la tecnicità della cucina. Le pareti attrezzate creano linee prospettiche che mettono in risalto la grande finestra a tutta altezza affacciata sulla natura esterna.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato

Il gioco di “nascondere e svelare”, costante dello studio Egidio Panzera, si riflette nella scelta di inserire la cucina in una nicchia e di completarla con l’Elemento Speciale New Logica System, espressione della ricerca tecnologica Valcucine. La grande anta superiore basculante e quella scorrevole verso il basso si aprono e si chiudono morbidamente, per svelare, e nascondere all’occorrenza, tutte le attrezzature dello schienale, un elemento brevettato che può essere configurato in base alle esigenze e può ospitare anche la cappa.

Con le ante aperte tutto è pronto per essere utilizzato nel modo più pratico ed efficace possibile mentre, con le ante chiuse, tutto è nascosto alla vista, riportando l’ordine in un attimo. Oltre a offrire il massimo della funzionalità in cucina, New Logica System crea una suggestiva scenografia, regalando uno spettacolo inatteso e di grande meraviglia per gli ospiti.

Valcucine in un progetto di Egidio Panzera al Bosco Verticale
Photo credit: Beppe Brancato | Egidio Panzera

La cucina Artematica proposta da Valcucine si inserisce perfettamente nell’architettura generale della residenza caratterizzata da arredi che si integrano nei muri per dare forma allo spazio o che nascondono, come per le camere, spazialità inattese. Le porte a bilico rivestite in marmo scompaiono nel muro senza soluzione di continuità, anche le maniglie sono a scomparsa. Celare quanto non deve essere manifesto è parte della filosofia progettuale dello studio Egidio Panzera. Un approccio condiviso anche da Valcucine, da sempre impegnata in una ricerca volta a ripensare lo spazio e reinventare l’ergonomia.

Photo credit cover: @GattoTere